Regolamento

Regolamento F.S.A.

Articolo 4.3.

Agli atleti che partecipano alle gare Skyrunning è fatto obbligo di:
a. Sottoscrivere ed osservare il regolamento generale e di ogni singola competizione;
b. Essere leali e corretti nei confronti degli altri atleti, dei giudici e degli organizzatori,
c. Indossare sempre il pettorale sopra gli altri indumenti e ben visibile;
d. Partecipare alla riunione pre-gara;
e. Indossare o avere al seguito tutto il materiale indicato dagli organizzatori;
f. Avere al seguito una borraccia con almeno 50 ml. di acqua o altra bevanda energetica;
g. Non gettare alcun oggetto o indumento durante il percorso tranne che nei punti di rifornimento;

Articolo 4.10

Gli atleti stranieri devono osservare le regole della nazione in cui ha luogo la gara, cioè presentare la
licenza della Federazione nazionale di riferimento e, se previsto, il certifi cato medico attestante l’idoneità alla pratica sportiva agonistica in alta quota.

Articolo 4.11

E’ responsabilità di ogni singolo atleta informarsi preventivamente e attenersi alle norme e regolamenti di ogni gara.

Articolo 5.1

Le sanzioni previste dal presente regolamento sono comminate dal giudice arbitro dopo aver verificato la sussistenza di un reclamo ufficiale scritto e firmato.

Articolo 5.2

Per mancanza del pettorale o del numero ufficiale visibile durante la gara: squalifica.

Articolo 5.4

Per abbandono di oggetti o materiali vari sul percorso: fino a 20 minuti di penalità.

Articolo 5.5

E’ obbligatorio seguire il percorso tracciato dagli organizzatori: pena la squalifica.

Articolo 5.6

Non è consentito modificare i pettorali o distintivi forniti dagli organizzatori: pena la squalifica.

Articolo 9.2

Tutti gli atleti iscritti alla F.S.A. o a una gara ufficiale compresa nel calendario ufficiale F.S.A. possono essere soggetti a controlli antidoping a sorpresa, organizzati dalla F.S.A.

Articolo 9.3

I controlli antidoping possono essere effettuati sia sul sangue che sulle urine.

Articolo 9.4

Per quanto riguarda la regolamentazione delle modalità di prelievo antidoping e di tutto quanto non
esplicitamente indicato nel presente regolamento, comprese le sanzioni, vale il regolamento antidoping
utilizzato per lo sci di fondo e dal CIO.

Articolo 10.1

I reclami dovranno pervenire al giudice arbitro entro 20 minuti dall’arrivo dell’ultimo atleta classificato ovvero entro 20 minuti dallo scadere del tempo limite.

Articolo 10.5

La decisione del giudice arbitro in merito ai reclami è inappellabile.

Articolo 16.2

Gli atleti che partecipano ad una gara di calendario possono esibire sugli indumenti e sui materiali le marche degli eventuali sponsor nelle misure previste per gli sponsor tecnici senza però alterare o coprire i pettorali ufficiali della gara e gli eventuali distintivi di riconoscimento obbligatori forniti dagli organizzatori delle gare.

Regolamento gara

Premessa.

La gara si svolge su sentieri di montagna, lungo un percorso impegnativo di salite e discese,
passando per ripidi pendii rocciosi e pietrame instabile, comunque con difficoltà mai superiori al 2°
grado. Per tanto si richiedono buona preparazione fi sica e massima prudenza. Ciò riguarda la maratona;
per la mezza non ci sono difficoltà alpinistiche.

Obblighi.

Partenza in linea, cronometraggio elettronico, equipaggiamento minimo obbligatorio: k-way personale
e pettorale fornito dall’organizzazione. Nel caso in cui, durante il percorso o all’arrivo, l’atleta venga
trovato/a sprovvisto/a di tali materiali, sono applicate le penalizzazioni previste dal regolamento F.S.A. E’ raccomandato l’uso di scarpe da trail running. Gli atleti devono aver compiuto i 18 anni d’età ed essere in possesso della certifi cazione d’idoneità agli sport agonistici per la stagione corrente. E’ consentito l’uso dei bastoncini da sci.

Limiti d’iscrizione

Si deve allegare obbligatoriamente copia della ricevuta del versamento richiesto e copia del certificato
medico.

Le iscrizioni verranno chiuse tassativamente il giorno 22 Agosto 2013.

FaLang translation system by Faboba